MEMORY WORK PROGRAM OF RESILIENCE

La metodologia di lavoro del MEMORY WORK PROGRAM, coniuga diversi modelli: la terapia narrativa, il metodo delle storie di vita e i linguaggi creativo-espressivi a partire dal paradigma della resilienza (Castelli, 2011).

Obiettivi dell’intervento

Il progetto “Memory Work of Resilience” mira a soddisfare i bisogni psicosociali di bambini che, a causa della morte dei genitori, vengono accolti da una nuova famiglia. Vuole fornire il sostegno necessario sia ai bambini che agli adulti, per facilitare il contatto e lo scambio delle memorie e dare cosi gli strumenti per affrontare la nuova situazione e adattarvisi in maniera positiva. In questo modo gli avvenimenti che sono stati dimenticati o taciuti possono essere recuperati aiutando a ricostruire la propria storia e ad avviare e facilitare un processo di residenza, trovando gli strumenti necessari a “riuscire a riorganizzare positivamente la propria vita nonostante l’aver vissuto situazioni difficili che facevano pensare ad un esito negativo” (Cyrulnik, 2005).

Incoraggiando il dialogo tra generazioni, il percorso del Memory Work aiuta a dare significato agli accadimenti e sostiene bambini e caregivers nella presa di coscienza delle difficoltà da affrontare quotidianamente nell’adattamento alla nuova situazione e nel superamento e accettazione degli eventi dolorosi.

I ricordi delle famiglie vengono condivisi con i bambini e sono custoditi in “scatole dei ricordi” (Caixa da Lambrança) attraverso attività espressivo-creative. La condivisione, così facilitata, rompe il silenzio circa il proprio dolore e crea lo spazio e le premesse per affrontarlo.  Consente di dare ascolto ai bisogni dei bambini che sono soliti vivere la perdita dei propri genitori senza alcun un sostegno.

Metodologia

La metodologia di lavoro si fonda sul Memory Work Programme, che coniuga la terapia narrativa con attività espressivo-creative, a partire dal paradigma della resilienza (Castelli, 2011), in collaborazione con il Sinomlando Centre for Oral History and Memory Work, affiliato all’Università di Kwazulu Natal in Sud Africa e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Schermata 2016-06-16 alle 16.48.06 Schermata 2016-06-16 alle 16.47.40

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...